Corsi

L’”EDIPO RE” RIVISITATO DAL REGISTA BERNARDO MIGLIACCIO SPINA

Scuola Cinematografica della Calabria

Tante e tante volte, da più parti e in diverse circostanze si è detto “adesso in Calabria facciamo il cinema e andiamo a scovare potenziali attori”. Spesso si sono rivelate vacue frasi rimaste in vita quanto l’esistenza di una farfalla.

Ma qualcuno ci ha creduto, ci crede e sta lavorando lungo questo, non facile, sentiero. Loro sono Lele Nucera (attore, regista, casting director) e Bernardo Migliaccio Spina (attore, regista, scrittore) che, guidati dalla convinzione se puoi sognarlo puoi farlo, nel cuore della Locride, a Siderno, hanno fondato la Scuola Cinematografica della Calabria,  “con l’obiettivo di formare e far emergere nuovi attori”.

E proprio i giovani attori della scuola, durante i mesi della quarantena, hanno preparato l’Edipo re.
La tragedia di Sofocle è stata rivisitata dal regista Bernardo Migliaccio Spina e ambientata in un campo rom.
Nel mese di agosto ecco arrivato il momento della rappresentazione. Esordio presso il teatro greco – romano di Portigliola (due serate) e poi all’anfiteatro al castello di Roccella Jonica (R.C.).

Hanno convinto. Sì i ragazzi, hanno convinto. Ognuno nel proprio ruolo, con le specifiche caratterizzazioni. Sotto la guida dell’acting coach, Vincenzo Muià, hanno saputo dare il meglio ma soprattutto – a mio modo di vedere – hanno fatto intravedere ancora un enorme potenziale ancora da tirare fuori.

Ho incontrato Bernardo Migliaccio Spina nel tardo pomeriggio del 25 agosto, mentre si stavano ultimando le ultime cose in scena, ed anche Salvatore Galluzzo (Edipo), Annalisa Giannotta (Giocasta), Vincenzo Muià (Acting Coach).

In questa video – intervista avrete l’opportunità di ascoltarli. In coda, Mimmo Calopresti (regista), Direttore artistico della Scuola Cinematografica e ospite d’onore della serata.